Perdere Peso Assumendo Integratori

Ma Questi Prodotti, FUNZIONANO DAVVERO?

Piccola premessa prima di cominciare a scrivere, NON INTENDO PARLARE DI NESSUN BRAND SPECIFICO! Altrimenti dovrei scrivere pagine su pagine per ogni singolo marchio, fra composizione, struttura e quant’altro, ma siccome tutti o quasi lavorano allo stesso modo posso generalizzare l’argomento. Non tratterò di integrazione, ma dei prodotti che promettono dimagrimento record in tempi brevissimi di cui tutti sentiamo ogni giorno, e che molti venditori cercano di piazzarci tramite i social mediante messaggio privato. E premetto anche che non trovo neppure un problema che queste varie aziende si basino sul network marketing, ma solo la disinformazione sia di chi vuole vendere ad ogni costo, che di chi vuole raggiungere i propri obiettivi acquistandoli.

Il tema del giorno sono tutti quei prodotti in forma di frullato, barretta, pillolina magica o qualsivoglia altro formato che promettono dimagrimento senza rinunce, in breve tempo ed il miracolo per tornare in una forma che tutti cercano e non trovano, offerti e promulgati dai più svariati e tartassanti Network, prendendo in esame solo due semplici 3799245-dimagrire-con-integratori-1domande:

  1. Funzionano davvero per raggiungere i miei obiettivi? 
  2. Cosa sono e come agiscono questi prodotti?

Rispondo istantaneamente alla prima domanda, cioè funzionano davvero questi prodotti? Esaminando la promessa principale che offrono, ovvero il dimagrimento, la risposta è ovviamente si, funzionano, ma ora arriva il bello, ovvero per quale motivo ci riescono e quale effetto creano… Partiamo dal dire che, solitamente, chi si affida a tali prodotti è alla cosiddetta ultima spiaggia, ma di solito gli manca una sola via da tentare, ovvero affidarsi ad un professionista, quindi all’ultima spiaggia del “fai da te”… Questi prodotti non agiscono sulla composizione corporea, quindi non fanno perdere magicamente grasso, ma fanno solo perdere peso. Ricordatevi quanto scrivo ora per dopo… Se un atleta, qualsiasi sia la sua disciplina, vuole acquisire o perdere peso in maniera pulita per garantire la propria performance, o implementare la performance stessa, si affida ad un coach o ad un team che lo segue su alimentazione ed allenamento al fine di ottimizzare l’individuo per uno scopo specifico, ed i risultati arrivano tangibili come conseguenza. Questi vari brand, però, non fanno altro che dispensare consigli, alle volte anche sensati, posizionando l’acquirente se deve dimagrire in un pesante deficit calorico abbinato ad attività fisica media o abbondante, senza neppure accertarsi, alle volte, delle condizioni fisiche del soggetto, per questo tali prodotti permettono di perdere peso! Stesso motivo per le varie dimagrimento-localizzatolinee che giurano che vi faranno metter su i muscoli come fossero una T-Shirt! Questo acquirente medio, come d’altronde la persona media in generale, non conosce le classificazioni alimentari, ne tanto meno sa dell’esistenza di carboidrati, proteine e grassi se non per sentito dire, e per definire la sua alimentazione sana o meno si affida soltanto a due cose: le sue esperienze passate che lo hanno portato in sovrappeso, e l’ago della bilancia che scende. Se deve dimagrire (motivazione che spinge un buon 90% verso tali prodotti unita alla disperazione per l’insuccesso nei programmi dimagranti precedenti) ed il peso cala lui è contento e continua, se al contrario aumenta o non varia no! Tali prodotti funzionano, ma alla fine si perde solo peso, ma non necessariamente grasso, ed è solo un gioco di specchi e luci, come si suol dire, che funziona solo in quanto presente in un deficit calorico studiato dall’azienda stessa che obbliga la sostituzione dei pasti comuni con i suoi prodotti. Ma con un tale ed aggressivo (solitamente) deficit e senza prodotto “magico”, tale strategia avrebbe funzionato ugualmente. Si parla solo di un calcolo matematico medio, per creare nel corpo una somma di fattori. I fattori solitamente calcolati sono i seguenti:

  • Deficit Calorico Casuale (meno cibo + attività fisica non mirata) = Perdita di Peso Casuale (nell’ordine liquidi, muscolo e forse grasso)
  • Deficit Calorico Targetizato (miglior cibo + deficit studiato + attività fisica differenziata e mirata) = Acquisizione di Tono/Muscolo & Perdita di Grasso
  • Surplus Calorico Casuale (più cibo + attività fisica) = Acquisizione di Grasso e Muscolo
  • Surplus Calorico Mirato (miglior e più cibo con incremento definito e stabilizzato + attività fisica specializzata e finalizzata) = Più Tono/Muscolo

Non vi sono altri segreti! Non vi sono alimenti, integratori, frullati magici! E questiproteine-in-polvere prodotti fanno rientrare i loro clienti, solitamente, dentro le categorizzazioni casuali del deficit calorico per il dimagrimento, o del surplus per la massa. Invece che strutturare una dieta come dovrebbe fare un medico in seguito ad esami clinici specifici, ed un piano di lavoro con un allenatore competente, posizionano il loro cliente in un’alimentazione ipocalorica, che di solito è anche abbastanza aggressiva se abbinata ad una minima attività fisica; questo deficit che creano lo creano standard, in modo tale che funzioni sia su un soggetto sulla soglia dell’obesità che su di uno di poco in sovrappeso, risultando molto più aggressivo per il primo soggetto e meno per il secondo, proprio per dimostrare che il loro prodotto funziona, non che si parla solo di matematica in termini di chilocalorie, e che senza il loro pacchetto “chiavi in mano” pronto all’uso non avrebbero mai perso peso raggiungendo la forma agognata. Ma ribadisco, PERDONO PESO! Da professionista ed allenatore devo ancora trovare qualcuno che, estrapolati i propri obiettivi con cura, voglia perdere specificatamente peso e non grasso, mantenendo o strutturando un corpo tonico o muscoloso, e liberandosi dell’adipe in eccesso…! Tranne chi deve andare sul ring, naturalmente, e rientrare in una determinata categoria di peso.

quale-gusto-di-proteine-scegliereQuesto concetto è lo stesso delle varie diete che vengono vendute standard, ovvero funzionano solo grazie ad un deficit aggressivo per la perdita di peso, e non perché strutturate in maniera ottimale per l’individuo. E tali pacchetti per la perdita di peso mediante integratori vari funzionano allo stesso modo. Non insegnano all’individuo come nutrirsi in vari cicli, allenarsi, vivere, ma creano solo un deficit aggressivo che dona risultati sul breve periodo e solo su di esso, ma una volta smesso col prodotto e reinserita un’alimentazione comune, solitamente, si ritorna a mangiare come se non più di prima, perdendo i successi raggiunti. Questi brand creano dei veri e propri pasti pronti che studiano per creare questo deficit calorico standardizzato, magari nominandoli come “pasto sostitutivo”, facendo si che in quel pasto voi assumiate solo ed esclusivamente quelle chilocalorie, senza che siano necessariamente bilanciati quanto un pasto reale, nutrienti o soddisfacenti, se non per gli zuccheri che vi vengono aggiunti per migliorarne il sapore. E se vi dicono che sono senza zuccheri aggiunti non ci dovete credere, perché gli zuccheri ci sono, ma al massimo non vengono assimilati dal corpo come succede per le bevande zero calorie (che creano vari altri problemi).

Appurato che l’approccio di queste aziende sulla perdita di peso e non di grasso funziona, arriva il vero problema… Questi pacchetti dimagranti solitamente vengono calcolati dalle aziende per creare un deficit a prescindere, e non smetterò di ripeterlo perché lo possano capire tutti, anche senza allenamento, quindi alla pari se non peggio di una dieta ipocalorica estremamente aggressiva, creano un aumento del peso una volta che il soggetto smette la loro assunzione. Ma se fosse solo questo il problema, perché una volta finito il ciclo (se si riesce ad uscirne), oltre a problemi metabolici quasi sicuri per la scarsa o incompleta nutrizione, se ne esce senza aver imparato nulla, se non che quando si assumeva quel determinato prodotto si era dimagriti, perciò che esistono alimenti “magici” che permettono di dimagrire senza sforzi, ma questo è come dicevo sopra solo un gioco di specchi per fidelizzare il cliente, con la teatralità d’inganno della Setta delle Ombre, ma noi non siamo certo Batman! Perché i vari edulcoranti utilizzati per dare un buon sapore al prodotto, punto fondamentale, creano volenti o nolenti assuefazione, rendendo più piacevole il percorso con quel determinato prodotto sintetizzato, ma essendo tale il corpo non ne può ricavare una nutrizione completa. La cosa migliore sarebbe l’istruzione, non la falsa speranza. Ma le aziende, solitamente, si difendono avvalorando studi scientifici sui loro prodotti che avvalorano sia la composizione naturale (a cui crederò forse un giorno, ma non oggi), o la loro efficacia.

macchinario-10-settembre-1140x500

Arriviamo quindi ai famosi “studi scientifici”, che tali aziende propongono sui loro siti al fine di tutelarsi, ed ai loro testimonial che hanno resa, fisico e performance perfetta grazie a quei prodotti… Intanto, il fatto che una ricerca esista non vuol dire che sia attendibile, anche perché le variabili sono tali che ogni ricerca potrebbe essere alterata o comprata; fatto sta che tali prodotti è dimostrato che funzionano per tutti i motivi esposti sopra, e quindi lo studio scientifico è verificato, anche se con riserve alle volte… E l’atleta famoso che fa da testimonial all’azienda si riconduce anche esso a quanto scritto sopra (vi dicevo di ricordarvene per dopo), che in quanto atleta professionista è seguito da un team, e non necessariamente sfrutta i prodotti che mostra, ma è semplicemente pagato per mostrare il logo.

Se questi “venditori di fumo” fossero professionisti capaci, non avrei nulla da dire, maintegratori-alimentari-fanno-male nella maggioranza dei casi sono solo dei commerciali che devono piazzare il proprio prodotto, senza curarsi della salute o della resa nel lungo periodo di chi lo assume, ma riparandosi sempre dietro alla frase “Eh, hai smesso l’assunzione, per questo hai ripreso i chili!”, vincolando queste persone a loro come clienti a vite. NULLA DI PIÙ SBAGLIATO! Per far si che un soggetto perda grasso o acquisisca muscolo occorrono competenze specifiche e non da poco, impossibili da apprendere in uno o pochi Week End di formazione come fanno, dal nulla come esperienza, poi. Corsi di formazione che servono solo per far conoscere il prodotto, fra l’altro, le tecniche di vendita e quello che occorre per guadagnare con la loro azienda. Giusto, guadagnare, perché è solo di quello che si parla, ed un cliente soddisfatto che ha raggiunto il suo obiettivo non porta guadagno, ma uno che se smette di assumere tali prodotti perde quanto raggiunto si. Vi ricorda qualcosa tale ragionamento…?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: